Banner

home
Napoleone STELLUTI

 

Nato a Larino nel 1948, ha frequentato gli studi superiori d’Arte Applicata negli Istituti d’arte di Vasto e Isernia, consegue il Diploma di Magistero d’Arte a Firenze. Tra il 1969 e il 1974 allestisce diverse mostre di pittura e grafica nell’ambito regionale, e nel 1971 realizza per conto del Comune di Larino il logo della Fiera di Ottobre. Si interessa alle scoperte archeologiche nel circondario di Larino. Nel 1985 si Laurea in Lettere con la Prof.ssa Emanuela Fabbricotti presso l’Università Statale “G.D’Annunzio” di Chieti con una tesi sui Mosaici di Larino che poi pubblica in volume a proprie spese a Pescara nel 1988 e distribuito dall’Erma di Bretschneider di Roma. Ha collaborato fino al 1985 con Territorio e dal 1988 con il Ponte due riviste periodiche del centro molisano.Su quest’ultima ha curato diversi saggi di cultura locale,privilegiando in particolare gli itinerari storici artistici ed archeologici pubblicati anche sull’Almanacco del Molise 1991/92. 

Un suo secondo volume Larino-Carri  Carrieri di San Pardo 1990-1991 è apparso nel 1992 per le Edizioni Enne di Campobasso . Da oltre trent’anni ha funzioni di Animatore Culturale di ruolo prima  della biblioteca comunale “B.Preziosi” e poi del settore  culturale del Comune frentano per il quale, sempre nel 1992, ha fra l’altro ideato e realizzato un Convegno Nazionale sulla Pro Cluenzio di Cicerone, curandone i relativi Atti pubblicati da parte dell’Amministrazione Comunale di Larino nel 1998. Per la sua attività di pubblicista ha ricevuto varie attestazioni di merito: nel 1994 dalla 4^ Rassegna del Libro molisano di Agnone e dall’Universitas Pro Deo di New York,nel 1996 dal Circolo Culturale –La Rosa di Montenero di Bisaccia, ed infine Premio di Cultura dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Prodi, nel 2003 Premio alla Cultura “Noi artisti di questa terra “ a Montorio nei Frentani.  Nel 1997 dà alle stampe con la Editrice Lampo Epigrafi di Larino e della Bassa Frentania un’opera in due volumi redatti con la collaborazione sostanziale della Prof.ssa Marina Vavassori da Bergamo  esperta del settore .   Nel 1999 costituisce l’Associazione Culturale Larino 2000 epressione del periodico locale IL LARINATE di cui è il fondatore, e che cessa le sue pubblicazioni nel 2004 con 18 numeri al suo attivo.Nello stesso anno in occasione delle celebrazioni per XVII centenario dei Santi Martiri Larinesi Primiano Firmiano e Casto , è fra il comitato promotore ed ideatore della rievocazione storica sulla Passio Sacti Primiani realizzato e prodotto in DVD. Nel 2002 è curatore della mostra Pilone 100 anni di Fotografia a Larino il cui catalogo è edito dalla Tipografia Lampo , nel 2003 casa editrice la sua associazione culturale produce la ristampa anastatica  dell’opera Larino: Considerazioni storiche sulla città di Larino di Giandomenico e Alberto Magliano del 1895 .

Nel 2006 viene nominato ,su proposta del Dott.Mario Pagano Soprintendente ai Beni Archeologici del Molise, Ispettore Onorario ai Beni Archeologici di Larino dal Ministro dei Beni e delle Attività culturali On.le Rocco Buttiglione. Questo riconoscimento gli consente di progettare e seguire  uno scavo archeologico a Larino al Casone in Contrada Difesanuova i cui risultati verrannio pubblicati prossimamente. Nel 2009 pubblica il volume Monete della zecca di Larinum, Frentrum e Pallanum, che raccoglie tutte le monete della zecca di Larinum, Frentrum e Pallanum conservate nella maggior parte dei musei del mondo, coniate intorno al III sec. a.C.tutte inedite ed ora riunite in modo razionale in un unico corpus.              

 

Nel 2013 esce con la monografia “L’OPERA DI ENZO PUCHETTI SCULTORE” stampato a Larino dalla Litografia Rossi , nella quale raccoglie tutte la produzione artistica di questo scultore nato a Campobasso nel 1894 , dal Prof. Nicola  padre larinese e, Concetta Di Tommaso madre di Casacalenda. Enzo Puchetti  realizzerà  dal 1921 al 1931 tutta una serie di monumenti ai caduti nella provincia di Campobasso  tra cui quello di Larino  recentemente restaurato  e ampiamente documentato  nella pubblicazione, muore a Napoli nel 1947.     

 

Nel 2015 pubblica "Le monete della zecca di Aesernia Venafrum Bovianum Aquilonia e Bellum Sociale" con un'Appendice "Larino:Campagna di scavi archeologici al Casone 2007-2008" stampata della Tipolitografia Fotolampo di Campobasso, un'opera che completa la ricerca numismatica e archeologica tra il Sannio Pentro e quello Frentano.

 

Nel 2016 gli viene conferita l'onoreficenza di "Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica" per le innomerovoli pubblicazioni sulla città di Larino e sulla Frentania. La cerimonia è avvenuta il 22 dicembre presso la Prefettura di Campèobasso. 

Dietro